Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile. Procedendo ad utilizzare il sito, anche rimanendo in questa pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

  • EVENTI E CENE 2018

    PUBBLICATI IN "EVENTI 2017-18" I PROSSIMI APPUNTAMENTI IN ROSSOBLU
  • A CUOIO,ERBA,SUDORE...IL DIPLOMA DI MERITO DEL 35°FICTS FEST DI MILANO!

  • IL CBC ON AIR

    DAL 9 SETTEMBRE Tutti i Sabato mattina dalle 11 alle 12 su RADIO BOLOGNA UNO in FM 89.8 MHz oppure scaricando la APP per cellulari sull'APPStore
  • 1
  • 2
  • 3

Articoli

CLUB INTERNAZIONALE ARPAD WEISZ

Presidente: Stefano Salmi

Anno di Fondazione: 2011

                  

La Storia


Il Club Rossoblu internazionale Arpad Weisz nasce nell'aprile del 2011 da un'idea del suo Presidente e fondatore Stefano Salmi che attraverso le parole del papà Salmi Guerrino che conobbe personalmente Arpad Weisz negli anni trenta a Bologna, ha avuto modo di conoscere le gesta di questo grande personaggio. Un'innovatore in campo calcistico che scoprì Giuseppe Meazza e vinse il primo scudetto a girone unico italiano con l'inter di Milano. Poi costruì il grande "Bologna che tremare il mondo fà!" degli anni trenta, vincendo tutto in Italia e in Europa. La nostra sede non a caso è a Lisbona, infatti Arpad Weisz nel 1927 passò nella capitale lusitana per andare in Uruguay a studiare il calcio dai grandi maestri sud americani che vincevano tutto in quei tempi. Lisbona dai racconti delle persone che ho intervistato nel tempo e che lo conobbero gli rimase sempre nel cuore, sopratutto nel cuore affranto di Arpad degli ultimi anni in Olanda, un cuore che presagiva la triste fine e che vedeva nella capitale lusitana la porta di uscita verso la libertà da un'Europa immersa nel sonno della ragione. Ma ahimè come altri ebrei, vedi il grande scrittore ed intellettuale Walter Benjamin, Arpad non ebbe modo mai di arrivarci. E quindi emblematicamente un Club dedicato a lui con sede a Lisbona ha il suo significato ancora oggi.

I nostri soci sono di varie etnie e nazionalià: portoghesi, italiani, olandesi, uruguagi e ungheresi questi ultimi sono quasi la maggioranza e molti di loro vivono a Solt città natale di Arpad e a Budapest come la vice presidente Vera Farago direttore educativa del Museo Ebraico Ungherese. Infine ci piace ricordare che Il nostro statuto ha inciso come 1 articolo: "Il Club internazionale Arpad Weisz ripudia l'antisemitismo, il razzismo e la xenofobia in tutte le sue forme".